Wikibombing, la trollata di massa contro il clickbait.

Intere voci di Wikipedia a commento di notizie ritenute al servizio del clickbait: la mobilitazione su Facebook è stata definita “Wikibombing”

Wikibombing”, ovvero: quando la lotta al clickbait diventa un mega-Lol collettivo.

Recentemente uno dei migliori esperimenti condotti contro i titoli acchiappa clic aveva visto una libreria americana attrarre il proprio pubblico, per poi condurlo davanti ai capolavori della letteratura: questa volta, invece, la mobilitazione arriva dal pubblico stesso. Da qualche giorno persone da ogni angolo d’Italia stanno commentando notizie riportate sulle Pagine Facebook di alcuni quotidiani con intere voci tratte da Wikipedia.

Biografie di grandi matematici della storia, il Bosone di Higgs (chi se lo ricorda?) o il vaso di Pandora, postati come commenti sotto notizie ritenute particolarmente leggere o dai titoli costruiti solo per generare traffico.

La mobilitazione sarebbe iniziata sotto un post con un video del matrimonio del neo presidente francese Macron, uno dei tanti servizi che sottolineava la differenza d’età con la consorte.

E poi via, di seguito, commenti a pioggia sotto qualsiasi contenuto ritenuto poco utile ai fini informativi.

Come giustamente fa notare qualcuno su Twitter, il rovescio della medaglia è che i post presi d’assalto conteranno comunque un maggior numero di commenti, il che non può che essere letto positivamente dall’algoritmo di Facebook. Una bella sfida, in un momento in cui la concentrazione sul tema dell’informazione tutta è tra le priorità dell’azienda.

 

Leggi tutto QUI

Arrivano le dirette a 360° su Facebook

L’annuncio arriva dal produttore Insta360, pronto a supportare le dirette immersive del social network.

La fonte è più che verificata: le dirette a 360° di Facebook stanno arrivando in tutto il mondo. A dirlo è Insta360, il produttore di fotocamere deputate. Annuncia l’integrazione del supporto adatto alle dirette sul social network, sia per iPhone che per smartphone Android, proprio in occasione del loro lancio.

“Insta360 ha lavorato a stretto contatto con Facebook – scrive l’azienda – per assicurare un sistema unico, un’esperienza utente integrata. Grazie a questa integrazione, le telecamere Insta360 sono riconosciuti da Facebook come un modo per rendere i Live a 360 semplici, affidabili e divertenti”.

Il supporto è previsto sia per Insta360 Nano, sia per Insta360 Air, le telecamere plug-and-play, che per Insta360 Pro, la videocamera 8K di livello professionale, in arrivo. Le prime due si collegano direttamente alla porta di ricarica di uno smartphone, consentendo agli utenti di vedere facilmente quello che viene cattura in tempo reale sul proprio display del telefono, e di mantenere una connessione stabile durante le trasmissioni in diretta.

Insta360 ha anche collaborato con l’applicazione di live-streaming di Twitter, Periscope. L’Insta360 Nano è l’unico dispositivo che supporta in modo nativo le dirette a 360° su Twitter.

 

[Fonte: www.wired.it]

TWITTER #GoLive

Grandi novità per Twitter! Finalmente il software per le dirette streaming sarà inserito all’interno del social network, risparmiando agli utenti il passaggio da Periscope.

In un ecosistema che ha fatto delle dirette video la tendenza dell’anno e dell’integrazione un cavallo di battaglia, Twitter non poteva restare indietro.

Come funziona: per azionare la diretta, comporre un tweet e premere su “Live”.

Si verrà indirizzati a una schermata pre-trasmissione, per scegliere l’inquadratura che si preferisce. Solo allora, si potrà premere sul comando “Go Live”. L’utente in diretta potrà essere seguito sia via Twitter, che via Periscope.

[LEGGI TUTTO QUI]

twitter