La modalità di navigazione privata è davvero così privata?

Fare ricerche in Rete in incognito non rende né invisibili né irrintracciabili e nemmeno immuni a virus e pubblicità. Tanti non lo sanno e la colpa è anche delle policy dei browser poco trasparenti

Se siete tra coloro che scelgono la modalità in incognito per le ricerche online, dovreste farvi una domanda: siete davvero irrintracciabili quanto pensate? Secondo uno studio dell’Università Leibniz di Hannover in Germania, molti di noi hanno convinzioni sbagliate quando si tratta di navigare in modalità privata. Non è vero, per esempio, che si è immuni dai virus informatici o che la nostra posizione non venga rilevata dai sistemi, né che non saremo oggetto di pubblicità mirate. La disinformazione dell’utenza, però, non è solo frutto di un’ignoranza di fondo: sembra infatti che le policy dei motori di ricerca non siano poi così chiare, dando adito a fraintendimenti.

Leggi l’articolo completo su wired.it